Dieta per perdere fra i 3 e i 7 chili avendo cura di  riequilibrare i pasti e attivarsi un po’. Mai abbandonarsi ad una dieta drastica.

A colazione:

Una bevanda non zuccherata: caffè, tè, infusioni

Un cereale preferibilmente ricco in fibre: pane integrale, ai cereali o con la crusca, o cereali per la colazione come All’Bran, fiocchi d’avena, müesli. Sul pane, spalma leggermente del burro alleggerito 15 – 40 % di MG, o marmellata alleggerita in zuccheri.

Un latticino, latte parzialmente scemato, yogurt non zuccherato (eventualmente con dolcificante) o formaggio fresco magro (0 – 3 % MG).

Eventualmente un frutto.

A pranzo e a cena:

Delle verdure crude e/o cotte: calcola un cucchiaio da minestra di olio a testa per il condimento, un cucchiaino da caffè di olio o di burro alleggerito o un cucchiaio da minestra di panna nelle verdure calde.

Almeno in uno dei pasti, un piatto a base di carne (evita l’agnello e la pelle del pollame) o di pesce o due uova o due fette di prosciutto: calcola 100 – 150 g a seconda del tuo appetito.

Prova a cuocere gli alimenti senza materie grasse, o soltanto con un cucchiaino di olio o di margarina.

Un prodotto a base di latte, per esempio una porzione di formaggio, in uno dei pasti (30 – 60 g), e un latticino nell’altro pasto: yogurt senza zucchero o alla frutta (0 % MG).

Un frutto – Del pane e/o un carboidrato: pasta, riso, patate, semolino, grano, mais, legumi secchi.

Le proporzioni di pane e di carboidrati devono essere adattate al tuo bisogno energetico, per esempio l’equivalente di 1/6 di una “baguette” per una donna, e 1/4 o 1/3 per un uomo.

A merenda:

È meglio fare merenda che morire di fame alla fine della giornata. A seconda del tuo appetito, puoi accontentarti di un frutto o di un latticino (0% MG), o al contrario, fare una merenda più consistente: un sacchetto individuale di biscotti o una tavoletta di cioccolato individuale, con un bicchiere o una confezione di latte parzialmente scremato, o due fette di pane rustico con due porzioni di formaggio da spalmare (al massimo 10% di lipidi) o una fetta di prosciutto.

La gestione degli extra: affettati, fritture, salse, pizza e focacce, dolci, cornetti, gelati, caramelle….

Tutti questi alimenti sono ricchi in calorie. Non bisogna sopprimerli, con il rischio di sentirsi frustrati, ma bisogna limitarli. Per esempio, se consumi spontaneamente 5 extra a settimana, prova a limitarti a 2 o 3 a settimana.

Lo stesso per le bevande energetiche, il vino o gli alcolici, le soda, i succhi di frutta: dividi il tuo consumo almeno di metà.